Design Interni  / Case Private  / Attività Commerciali  / Alberghi

Trovare l'equilibrio tra illuminazione decorativa e illuminazione tecnica


Pubblicato il 16 aprile 2021

In ogni progetto di illuminazione, la componente estetica delle lampade scelte è fondamentale tanto quanto la loro funzionalità e performance. La sinergia tra potenziale luminoso e stile è importante al fine di delineare una scenografia all’altezza delle aspettative del committente, nonché idonea al suo impiego in ciascun ambito preposto: dai ristoranti alle strutture ricettive, dalle abitazioni private a spazi commerciali e negozi.

Ma è possibile trovare il giusto equilibrio tra illuminazione decorativa e illuminazione tecnica? La risposta è sì.

In questo articolo, ti illustreremo alcune idee per lavorare efficacemente sul tuo progetto di lighting design e trovare il perfetto compromesso.

 

Cosa chiedere ai tuoi clienti prima di progettare un impianto d'illuminazione?

 

8 consigli per trovare l’equilibrio tra illuminazione decorativa e illuminazione tecnica

Di seguito, troverai una serie di suggerimenti per integrare decorazione e funzionalità nel progettazione di illuminazione di cui ti stai occupando:

  1. Inizia valutando la location in cui andranno installate le soluzioni
  2. Calcola il fabbisogno energetico per l’illuminazione dell’ambiente
  3. Introduci i principali livelli di illuminazione
  4. Lascia che la luce naturale faccia parte dello scenario
  5. Considera il concept di arredamento
  6. Valuta il corretto posizionamento di ciascuna lampada in base al suo utilizzo
  7. Tieni conto di pavimento, soffitto e pareti
  8. Opta per un sistema di controllo da remoto

Proseguiamo di seguito con l’approfondimento di ciascun passaggio.

1. Inizia valutando la location in cui andranno installate le soluzioni

Prima di entrare nel vivo della progettazione è necessario valutare il tipo di location in cui andrai a creare la composizione di lighting design richiesta dal cliente e individuare chi, potenzialmente, utilizzerà e vivrà quel determinato ambiente.

Locali, case e hotel presentano esigenze funzionali e stilistici differenti, motivo per cui necessitano di interventi estetici e tecnici di diversa natura.

Questo primo passaggio ti aiuterà definire il concept di illuminazione dell’intero progetto, ovviamente secondo basandoti sulle richieste del committente.

 

Moby Dick

Moby Dick

2. Calcola il fabbisogno energetico per l’illuminazione dell’ambiente

Con il calcolo del fabbisogno energetico per l’illuminazione della location, inizia a la progettazione vera e propria. Il calcolo standard è il seguente:

EL,int,s = Wel,ill · Fc · [(td·FO·FD) + (tn·FO)]       [kWh]

nello specifico:

  • EL,int,s

E’ il fabbisogno di energia elettrica per l’illuminazione artificiale di una zona o di un ambiente [kWh]

  •  Wel,ill

E’ la potenza elettrica installata per illuminazione artificiale, calcolata da UNI EN 15193 in base all’illuminazione ottimale per quel locale e alla tipologia di lampade installate: neon, alogene led e via dicendo [W]

  • Fc

E’ un fattore di utilizzo della potenza installata, che tiene conto della presenza o meno di sistemi automatici di controllo [-]

  •  td etn

Sono rispettivamente la durata del periodi di attivazione diurno/notturno, e tengono conto delle ore in cui l’impianto di illuminazione è acceso: variano in funzione della destinazione d’uso dell’edificio, con valori tabellati per i calcoli standard  [h]

  • FO

E’ il fattore di dipendenza dall’occupazione dell’ambiente o della zona, che sempre in base alla destinazione d’uso tiene conto dei fattori di presenza e di assenza di persona all’interno dei locali.

  • FD

E’ il fattore di utilizzo della luce naturale, che tiene conto del numero, del tipo e delle caratteristiche delle finestre dell’edificio e di quanto ciascun ambiente riesce a sfruttare la luce naturale e quindi a ridurre i consumi per l’illuminazione artificiale [-].

 

Ululì Ululà

Ululì Ululà

3. Introduci i principali livelli di illuminazione

Ambient lighting, task lighting e accent lighting sono imprescindibili in un progetto in cui si intende trovare equilibrio tra illuminazione decorativa e illuminazione tecnica.

Il tuo obiettivo principale sarà quello di installare il giusto tipo di soluzione nella posizione più idonea, in modo tale da rendere l’area del tutto funzionale, ma senza rinunciare allo stile.

In particolare:

  • Ambient lighting

Un tipo di illuminazione omogenea, chiara e ben distribuita poiché mirata a garantire comfort visivo e alla creazione dell’atmosfera di un determinato ambiente o stanza.

  • Task lighting

Si tratta del grado di luminosità specifica per le aree di lavoro o postazioni task (scrivanie e comodini in camera da letto, studi e uffici, hall e banco informazioni di un hotel o angolo cassa in un negozio).

  • Accent lighting

In questo caso, si intendono tutti quei punti luce focali pensati per illuminare e mettere in evidenza dettagli architettonici, particolari ornamentali e oggetti d’arredo.

4. Lascia che la luce naturale faccia parte dello scenario

E’ essenziale includere la luce naturale nel tuo progetto di lighting design, poiché la sinergia tra questo grado di luminosità – più soft – e l’illuminazione artificiale – più energica – può dare vita a coreografie luminose di grande impatto visivo.

Perciò, affinché la luce naturale possa essere integrata al meglio, occorre valutare i potenziali punti di accesso di raggi solari e poi decidere dove posizionare le lampade di design scelte personalmente dal cliente.

 

Alì e Babà

Alì e Babà

5. Considera il concept di arredamento

Oltre a tenere in considerazione i fattori sopraelencati è opportuno porre le dovute attenzioni il concept di arredo pensato appositamente per gli interni della location in cui andrai ad installare le varie lampade, con l’obiettivo di creare armonia estetica tra illuminazione e arredamento.

6. Valuta il corretto posizionamento di ciascuna lampada in base al suo utilizzo

Per introdurre ad hoc i principali livelli di illuminazione funzionale – vedi punto 3 – non solo bisogna selezionare con i modelli più appropriati, ma soprattutto trovare la posizione più adatta per assicurare ottima visibilità e comfort per lo svolgimento delle varie attività.

 

Accipicchio

Accipicchio

7. Tieni conto di pavimento, soffitto e pareti

Per dare luce a ciascun spazio occorre tenere in considerazione pavimento, soffitto e pareti.

Si tratta di “tre dimensioni” che convivono nello stesso ambiente e che se illuminate correttamente renderanno lo scenario più accogliente e visivamente più piacevole e accattivante.

Illuminare uniformemente soffitto e le parenti renderà gli spazi più ampi e contribuirà a ridurre l'affaticamento degli occhi dell’osservatore.

8. Opta per un sistema di controllo da remoto

Infine, ti consigliamo di optare per l’installazione di un sistema di controllo dell’illuminazione da remoto. Questo tipo di tecnologia implica una serie di notevoli vantaggi in termini di aumento della praticità, diminuzione dei consumi e risparmio energetico.

Di fatto, negli spazi abitativi più ampi così come negli hotel e nei ristoranti di notevole capienza spesso si sprecano quantità notevoli di energia semplicemente lasciando le luci accese quando non è necessario.

I sistemi di controllo dell’illuminazione completamente integrati consentono di determinare con facilità dove sono accese le luci e di controllarle da una posizione centrale. Automatizzare l’accensione e lo spegnimenti degli interruttori consente di risparmiare.

Grazie ad un sistema di controllo da remoto è possibile impostare facilmente il grado di illuminazione nelle varie stanze. L’integrazione di un sistema di illuminazione su un iPad consente all’utente di stare nella stanza in cui si trova e oscurare i canali di illuminazione su e giù fino a conferire il grado di luminosità desiderata.

 

Pirla

Pirla

Lampade di design: il perfetto connubio tra stile e performance

Ciò che condividono i principali contesti di illuminazione di negozi, ristoranti e strutture ricettive è l’integrazione bilanciata tra luce naturale e i tre gradi di illuminazione: ambient lighting, task lighting e accent lighting.

Per ottenere il perfetto connubio tra stile e performance, ti consigliamo di selezionare delle lampade di design creativo e di installarle negli ambienti di ciascuna location, ovviamente tenendo conto delle preferenze del committente e del contest di arredamento.

Illuminare gli interni di un’abitazione

Ecco le soluzioni che potresti scegliere per dare luce agli interni di un’abitazione:

Proseguiamo per gradi.

Au Revoir: perfetta per l’ingresso di casa

Un lampadario come Au Revoir potrebbe essere la soluzione ideale per accogliere con originalità gli ospiti all’ingresso e creare sin da subito una piacevole atmosfera di ospitalità.

Si tratta di una composizione di lampade a braccia, con particolari decorazioni in vetro satinato bianco, che con la sua forma inusuale e originale è in grado di impressionare chi lo osserva e illuminare più punti dell’ambiente in modo ottimale.

 

Au Revoir

Au Revoir

Lo stile minimal di Snoob decora salotto e soggiorno 

Il soggiorno e il salotto sono aree comuni in cui spesso si riunisce la famiglia nei momenti di relax e convivialità, nonché ambienti in cui gli ospiti vengono ricevuti e fatti accomodare. Per questi motivi entrambi necessitano di una soluzione di illuminazione elegante e adatta a qualsiasi occasione e attività.

Anche in questo caso, un lampadario risulterebbe adatto a fornire ambient lighting creando un punto focale di impatto nella sala. Per questi interni potresti scegliere Snoob: sospensione dalle dimensioni importanti che ricorda la silhouette degli antichi lampadari rinnovata con linee pulite e sinuose.

 

Snoob

Snoob

Ceraunavolta: raffinata e versatile

Dona luce all’intera area installando Ceraunavolta: pittoresca e dalla forma unica, un cluster di sospensioni in vetro soffiato - trasparente o in colorazione tiffany - in grado di rapire lo sguardo di tutti, che regala colore e dinamica nuove all’ambiente.

È adatta all’illuminazione di tavoli e ripiani intorno cui si svolgono attività differenti e si riuniscono più persone; copre di luce l’ambiente con bagliori tenui e caldi e si adatta ad ogni altezza.

 

Ceraunavolta

Ceraunavolta

Déjà-Vu: il giusto tocco decorativo nelle aree di passaggio

Per i corridoi di un’abitazione privata occorre pensare a dei corpi luminosi in grado di fondere praticità e decoro. In questo caso, potresti optare per una disposizione alternata lungo le pareti di lampade applique.

Déjà-Vu ad esempio, disponibile anche come lampada da parete, potrebbe essere una tra le soluzioni più adatte per illuminare i corridoi con un tocco di originalità.

La sobrietà del bianco, la particolarità delle decorazioni floreali, la semplicità naturale del lino: gli elementi strutturali che fanno di questa lampada un modello raffinato e senza tempo.

 

Déjà-Vu

Déjà-Vu

Notredame e Alì e Babà: eleganti e suggestive anche in camera da letto

Le camere da letto sono espressione di intimità e riservatezza, in cui è vitale infondere un clima rilassante attraverso l’illuminazione. Per questo motivo dovresti scegliere delle lampade che possano garantire comfort visivo e rimangano fedeli all’atmosfera tranquilla della stanza.

Per questo ambiente, ti suggeriamo di installare delle plafoniere dimmerabili – come Notredame – posizionate sopra il letto potrebbero fornire differenti gradazioni di ambient lighting.

Notredame presenta un caratteristico taglio geometrico definito che ricalca le linee articolate degli antichi rosoni gotici. Al centro della struttura realizzata in tecnopolimero bianco, o a scelta in colorazione oro, vi è un cuore luminoso che garantisce un’illuminazione ben diffusa e morbida.

 

Notredame

Notredame

Ricorda che in camera da letto occorre anche un buon livello di task lighting per garantire lo svolgimento di altre attività all’interno della stanza, come magari leggere, studiare o semplicemente potersi cambiare in comodità.

Perciò, sarebbe opportuno posizionare delle applique ai lati del letto, potrebbe essere un’idea, oppure delle lampade da tavolo sui comodini, conferendo così funzionalità agli spazi. Alì e Babà è disponibile in entrambe le soluzioni, con struttura in ceramica bianca opaca/lucida o con paralume in lino bianco.

 

Alì e Babà

Alì e Babà

Illuminare le principali aree di un negozio

Di seguito, le lampade di design pensate ad hoc per illuminare le principali aree di uno spazio commerciale:

Studiamo più da vicino le caratteristiche di ciascuna lampada.

Domenica: texture e materiali a contrasto

Domenica è una sospensione costituita da una struttura in gesso, completata all’estremità da una rete metallica a maglie strette.

Ideale da utilizzare come fonte di task lighting e ambient lighting che fa del contrasto materico una firma di stile inconfondibile e che regala all’ambiente fiotti di luce energica.

 

Domenica

Domenica

I tratti evocativi di Cubano

Cubano sarebbe la soluzione ideale per coniugare potenziale decorativo e illuminazione funzionale. Una lampada di design creativo che grazie al suo disegno evocativo che si inserisce a pieno titolo nella famiglia Karman zoo.

Perfetta accanto ad appendiabiti ed espositori, questa applique in ceramica bianca opaca, presenta curiose sembianze che riecheggiano i tratti di un tucano dallo “sguardo” luminoso e penetrante.

 

Cubano

Cubano

La trasparenza del vetro incontra il potere della luce con Ginger

Ginger è una sospensione in vetro incamiciato dal gusto retrò e dal design versatile: caratteristiche che la rendono idonea per i contesti d’illuminazione dei negozi più alla moda.

Con la sua presenza scenica aggraziata ed elegante, potrebbe essere un’ottima soluzione per conferire un tocco di decoro agli spazi espositivi del negozio senza rinunciare alla funzionalità.

 

Ginger

Ginger

24 Karati: luminosa e brillante come una pietra preziosa

24 Karati è una lampada in vetro paglierino trasparente incamiciato, dal taglio geometrico raffinato e ben definito come quello di un diamante.

Grazie alla trasparenza del paralume vitrea, con questa soluzione la luce è libera di diffondersi in modo omogeneo nell’ambiente, illuminando efficacemente ogni angolo.

 

24 Karati

24 Karati

La silhouette semplice e sofisticata de Le Trulle

Le Trulle potrebbero essere delle soluzioni perfette per illuminare le vetrine, ad esempio, oppure per dare luce ai differenti spazi del negozio.

Si tratta di lampade a sospensione con paralume in ceramica naturale e filo metallico dalle linee gentili e morbide, che nella loro semplicità risultano comunque d’impatto.

 

Le Trulle

Le Trulle

Settenani Collection: la matericità diventa pura eleganza

Per garantire punti luce sapientemente distribuiti e illuminazione direzionale, opta per una composizione di lampade a sospensione come Settenani Collection.

Si tratta di una collezione costituita da sette lampade di forme e caratteri estetici differenti, con un unico punto in comune: una struttura in cemento grezzo.

Una famiglia di lampade ad hoc per illuminare i vari reparti del negozio variando nei modelli e nelle forme ma mantenendo comunque una certa continuità estetica.

 

Settenani Collection

Settenani Collection

Illuminazione per hotel e strutture ricettive

Vediamo in quali contesti si inseriscono al meglio queste lampade.

Sisma: gusto minimal e luce accogliente

Mood e atmosfera accogliente sono il biglietto da visita di un hotel. Per questo motivo la cura dell'illuminazione della hall è fondamentale per fare colpo sui visitatori e accoglierli sin dal primo istante con la giusta luce.

Per l’entrata sarebbe preferibile optare per dei lampadari, delle plafoniere o per una composizione di sospensioni in grado di fornire un’illuminazione direzionale alle postazioni e che riescano in generale a infondere una prima sensazione di calore e comfort.

Per questa area dell’hotel, potresti optare per una soluzione sobria ed elegante come Sisma: una sospensione dal forte carattere industrial, ma con un’anima minimale.

Struttura totalmente spoglia di paralume o diffusore, caratterizzata da uno scheletro in tondino metallico verniciato nervato in colorazione naturale e sorgenti luminose appese a fili neri da attorcigliare e fissare secondo le proprie preferenze.

 

Sisma

Sisma

Funzionalità e stile in un unico modello: Black Out

La reception è una tra le postazioni di lavoro più importanti, poiché è qui che lo staff interagisce e accoglie i clienti. Per questa area, ti consigliamo di scegliere delle soluzioni in grado di offrire sia task lighting che ambient lighting.

In questo caso, Black Out potrebbe rivelarsi la scelta giusta. Parliamo di una sospensione realizzata con filo di vetroresina bianca, da completare a totale discrezione del cliente con un portacandele in ceramica bianca.

Un corpo illuminante di design capace di conferire luminosità funzionale al banco informazioni e completare l’assetto d’arredo.

 

Black Out

Black Out

Lo stile Industrial-chic si illumina con Work in progress

L’illuminazione del bagno dovrebbe garantire sempre comfort visivo, libero movimento e al contempo infondere un clima rilassante.

Per questo ambiente, è opportuno prediligere sorgenti di luce indiretta e dalle tonalità soffuse, sia per mantenere una certa intimità degli spazi che per evitare di abbagliare l’occhio.

Perfette per illuminare questo ambiente Work in progress potrebbe essere la soluzione più indicata. Totalmente votata all’estetica industrial-chic, rievoca nella silhouette una vecchia lampada da cantiere, resa più elegante e aggraziata nei bassorilievi floreali al suo interno.

Inoltre, il diffusore permette alla luce di diffondersi in senso direzionale e in modo omogeneo sulle superfici. E’ il giusto compromesso tra componente estetica e funzionalità.

 

Work In Progress

Work In Progress

Ugo Rilla e Ti. Vedo per delle camere da letto dal concept accattivante

Per trasformare le camere da letto in vere e proprie oasi di relax occorre puntare su un tipo di illuminazione in grado di conferire un aspetto familiare e confortevole all’ambiente, ovviamente senza rinunciare alla funzionalità.

Pertanto, ti suggeriamo di posizionare delle sospensioni al centro del soffitto e installa delle applique al di sopra dei comodini così da regalare sia ambient lighting che punti focali di task lighting ai fianchi del letto.

Se il committente desidera lampade dal concept semplice e pulito, ti consigliamo di scegliere Alì e Babà oppure Au Revoir nel modello applique; altrimenti, per uno stile più impattante, di stampo animalier, scegli Ugo Rilla e Ti. Vedo.

Due applique di forte impatto visivo che riecheggiano rispettivamente i tratti animaleschi di un gorilla e di un gufo. Lampade affascinanti e originali, in ceramica bianca e grigio opaco, adatte ai contesti d’arredo più audaci e perfette per illuminare le camere da letto di un hotel.

Inoltre, se nella camera sono presenti una o più scrivanie, posiziona su di esse delle lampade da tavolo così da garantire una corretta illuminazione per attività di lavoro e lettura.

 

Ugo Rilla e Ti. Vedo

Ugo Rilla e Ti. Vedo

Cell: la bellezza della semplicità

Nelle aree di ristoro gli ospiti dovrebbero percepire sin da subito un clima di convivialità e relax. Regola l’illuminazione del bar e del ristorante secondo le ore di servizio.

Per illuminare la sala e, in particolare, conferire luminosità in modo ottimale a tavoli e postazioni di lavoro scegli Cell. Una sospensione dal fascino minimal con struttura in filo metallico bianco e paralume in lino bianco, rifinita con una nappa in seta bianca: un tocco di classe per una lampada moderna e raffinata.

 

Cell

Cell

Ecco come unire illuminazione decorativa e illuminazione tecnica

Saprai di aver trovato il giusto compromesso tra stile e funzionalità quando l’intero impianto di illuminazione risulta più efficiente a livello di efficienza e soprattutto più appetibile in senso estetico.

Le migliori progettazioni - in cui l’illuminazione tecnica viene integrata con quella decorativa - aggiungono un tocco di stile al complesso di interior design e oltretutto garantiscono comfort visivo, rendendo più comodi gli spostamenti e lo svolgimento delle attività in qualsiasi luogo.

E’ proprio nella ricerca di questo equilibrio che risiede l’ottima riuscita di un progetto di lighting design. Offrire delle soluzioni in grado di coniugare performance ed estetica, nonché un prodotto finale impeccabile, personalizzato secondo le esigenze del committente.

 

Cosa chiedere ai tuoi clienti prima di progettare un impianto d'illuminazione?

 

Per maggiori informazioni, supporto e assistenza nella scelta corretta dei giusti modelli di lampade per il tuo progetto di illuminazione decorativa, non esitare a contattarci a questo link. Siamo a tua completa disposizione.

Camilla Rossi

AUTORE

Camilla Rossi

CHI SIAMO

Karman-logo-black

Karman, azienda tutta italiana, è nata nel 2005 a Fossombrone. Il suo mondo si muove con naturalezza attraverso un originale e personale uso decorativo della luce sia in ambienti privati che in ambienti contract

LEGGI TUTTO »

SEGUI KARMAN