Case Private  / Alberghi

Quali sono le migliori tipologie di lampade per il bagno?


Pubblicato il 05 febbraio 2021

L’illuminazione del bagno è un dettaglio che non puoi trascurare, perché è proprio il tipo di luce che si rivela molto importante al risveglio, momento delicato, e la sera prima di andare a dormire.

La luce, in questa zona della casa, deve essere chiara, in modo da non far fatica a vedere, ma né troppo intensa e nemmeno aggressiva. È necessario, quindi, che tu scelga con cura i giusti punti luce, tenendo sempre in considerazione l’alta pericolosità del rapporto tra acqua ed elettricità

Per far fronte a questa necessità, è bene utilizzare le lampade alogene: applique, plafoniere e specchi luminosi, sono i tipi di lampade più adatti a questa funzione e il loro design è talmente vario che puoi rimanere fedele allo stile del bagno

Nella stanza da bagno si trovano principalmente due tipi di illuminazione: quella generale, installata sui muri o al soffitto, e quella specifica, situata nelle vicinanze dello specchio o integrato ad esso. 

 

Ottimizzare la progettazione di un impianto d'illuminazione in 8 semplici mosse

 

Perché conoscere le migliori tipologie di lampade per l'illuminazione del bagno?

Nel tuo modello, che sia di progettazione o di ristrutturazione, devi prendere in considerazione la collocazione dei punti luce e le migliori tipologie di luci da applicare.

Nel bagno si svolgono diverse funzioni durante l’arco della giornata: oltre all'utilizzo più classico, al mattino, ad esempio, ci si sveglia con una doccia rinfrescante, per prepararsi ad affrontare la giornata; può essere un luogo di relax, in cui si gode di una rilassante doccia calda al rientro da una giornata lavorativa; può fare le veci di un salone di bellezza, profumato dall’odore delle creme, delle maschere e degli oli, e via dicendo.

Questi e tanti altri sono i motivi che rendono necessaria un’illuminazione dinamica, funzionale ma anche d’atmosfera, da gestire separatamente.

Una volta che hai scelto la tipologia di lampade migliore per i vari punti luce, devi passare alla scelta dell’apparecchio luminoso da collocare in bagno. Per fare centro, considera l’effetto che il tuo cliente desidera creare e la distanza ottimale dagli schizzi d’acqua.

Qual è la migliore tipologia di lampada per la luce generica?

Per capire quali sono le migliori tipologie di lampade per il bagno, dobbiamo partire con suddividere i tipi di illuminazione che questa zona della casa richiede: la luce generica, la luce d’accento e la luce accessoria.

 

Quali sono le migliori tipologie di lampade per il bagno? Sisma

Sisma

Caratteristiche della luce generica

La luce generica viene posta al soffitto, al centro della stanza, ed è un tipo di luce diffusa, atta ad illuminare tutta la stanza senza creare zone d’ombra. 

Puoi realizzare questo tipo di illuminazione con una plafoniera o dei faretti a incasso, lampade caratterizzate da un alto indice di protezione dai getti d’acqua e dalle polveri La luce dev’essere preferibilmente brillante ma non accecante, soprattutto nelle ore notturne o al mattino. 

Un’altra soluzione adatta può essere la lampada a sospensione, con faretti LED ad incasso, fissi o orientabili, che sprigiona un ampio fascio luminoso. 

Grazie alla tecnologia LED, puoi avvalerti dei dimmer: apparecchi che ti permettono di regolare l’intensità e la tonalità della luce, così da avere la luminosità perfetta in ogni momento della giornata, a basso consumo.

 

Quali sono le migliori tipologie di lampade per il bagno? Dharma

Dharma

Caratteristiche della luce d’accento

L’illuminazione d’accento, posizionata vicino al lavabo e allo specchio, è fondamentale per svolgere le quotidiane azioni di cura e igiene personale.

Si tratta di una luce funzionale, che deve illuminare principalmente il viso, non tanto lo specchio, senza abbagliare, né creare ombre: puoi scegliere di applicare applique e faretti direttamente sullo specchio, sul mobile, oppure sulla parete, oppure puoi orientarti sui faretti LED dimmerabili, che esprimono un fascio luminoso più stretto.

Per creare punti di luce chiara allo specchio, puoi optare per una barra LED ad alta efficienza da integrare, oppure puoi applicare delle strisce LED alle estremità dello specchio. 

Se ti piace e vuoi adottare l’idea di posizionarli lungo la linea dello specchio, scegli un modello orientabile, in modo che il tuo cliente potrà regolare il flusso luminoso a suo piacimento. 

In alternativa, se il tuo cliente è d’accordo, puoi decidere di sostituire lo specchio già presente con con luce integrata: uno specchio retroilluminato con luce LED integrata, emette una luce diffusa molto funzionale, e rappresenta anche un’ottima soluzione di design

Se volete invece stupire con un effetto hi-tech, potete scegliere una specchiera con profilo a led e accensione “touch”, futuristica e originale.

Se invece il bagno in questione è di modeste dimensioni e devi lasciare spazio a tutti i prodotti che di quotidiano utilizzo, una soluzione può essere ricorrere ad un armadietto con specchio e faretto incluso.

Se devi progettare l’illuminazione per un bagno un po’ retrò, una soluzione può essere quella di porre sopra lo specchio, o di lato, delle applique con un diffusore in vetro, scegliendo con cura la finitura della struttura a bracci, in argento satinato o oro bronzato, da abbinare con i rubinetti del bagno, in modo da creare un effetto al contempo vintage ed elegante.

 

Quali sono le migliori tipologie di lampade per il bagno? Make Up

Make Up

Caratteristiche della luce accessoria

Se le dimensioni della stanza da bagno in questione lo consentono, puoi anche aggiungere altre piccole fonti di luce accessoria: i faretti ad incasso sono la soluzione ideale sia per far risaltare alcuni punti precisi, che per riprodurre un’atmosfera d’ambiente rilassante nei pressi della vasca o della doccia, creando un effetto SPA,  magari con la possibilità di cambiare il colore della luce e godere, così, dei benefici effetti della cromoterapia.

Le luci accessorie rappresentano una scelta molto moderna e, distribuiti sapientemente nello spazio della stanza da bagno, possono fare da contorno in alcune zone, creare tagli di luce e valorizzare gli spazi.

 

Quali sono le migliori tipologie di lampade per il bagno? Ceraunavolta

Ceraunavolta

Qualche altro suggerimento per il tuo progetto d'illuminazione per il bagno

L’illuminazione, come hai avuto modo di apprendere, gioca un ruolo molto importante per lo stile del tuo bagno.

Nel tuo progetto, puoi anche prevedere 3 tipi di illuminazione diversa da far convivere armoniosamente: una luce generica per illuminare la stanza, una luce funzionale vicino al lavabo e una luce d’accento sopra lo specchio- o integrata- per rendere facilmente attuabili le azioni di igiene e di bellezza quotidiane.

Scegli le migliori tipologie di lampade per valorizzare i tuoi spazi, sia per quel che riguarda il materiale, che forma e colore: devono rispondere al gusto personale del tuo cliente e devono saper resistere e godere di una facile manutenzione nel tempo.

I materiali usati per l’illuminazione del bagno devono essere resistenti all’umidità e ai vapori e anti corrosione, come l’ acciaio inox, il  PVC e l’alluminio; lo stile della lampada e le finiture dovranno sposarsi perfettamente con l’arredo e lo stile pensato per l’intera stanza.

 

Quali sono le migliori tipologie di lampade per il bagno? Settenani Collection

Settenani Collection

Tutte le lampade per il bagno, come i faretti e gli applique da specchio, dispongono solitamente di una lampadina inclusa, o di un LED integrato. 

Che ci sia o meno la lampadina, puoi comunque scegliere quella che preferisci, a condizione di verificare la potenza massima supportata e il relativo attacco sulla confezione dell’apparecchio.

Ancora, il colore della luce emessa dalla lampada influisce sulla funzionalità e sull’atmosfera che vuoi ricreare con la luce: ad esempio, la luce bianca si distingue per la sua tonalità, il cui grado di calore viene misurato in gradi Kelvin.

Puoi orientarti verso una luce calda, fredda o naturale, a seconda della zona del bagno e del tipo di luce. 

Per la luce dello specchio, ad esempio, è ottimale una luce naturale, perché non altera i colori e non evidenzia i difetti.

Per i faretti vicino alla vasca o alla doccia, puoi invece orientarti per le nuove tecnologie LED, CCT e RGB, che permettono di regolare la tonalità della luce e offrono una vasta gamma di colori tra cui scegliere a proprio piacimento.

A questo punto è doveroso raccomandarsi che il montaggio delle lampade nel bagno sia affidato ad un elettricista, in quanto, essendo un esperto professionista, conosce bene le normative sulla sicurezza, che definiscono, appunto, tutto ciò che occorre alla sicurezza in un ambiente umido.

 

Quali sono le migliori tipologie di lampade per il bagno? Via Lattea

Via Lattea

Per conoscenza, il bagno si suddivide in diverse zone di protezione: la prima è la doccia o la vasca, che corrisponde alla zona 0. 

Ogni zona di protezione ha le sue direttive per le lampade da bagno:

  • Zona di protezione 0: dentro la doccia o la vasca da bagno. Solo bassa tensione di protezione fino a 12 Volt e come minimo grado di protezione IPX7.
  • Zona di protezione 1: delimitazione verticale di vasca o doccia. Solo bassa tensione di protezione fino a 12 Volt e come minimo grado di protezione IPX4. Senza doccia l'altezza della zona è fino a 120 cm intorno al rubinetto. Delimitazione altezza in entrambi i casi: 2,25 m.
  • Zona di protezione 2: 60 cm intorno alla zona di protezione 1. Minimo grado di protezione IPX4. In caso di getti d'acqua come ad es. docce da massaggio, minimo grado di protezione IPX5.

N.B. È importante sottolineare che i trasformatori non devono mai essere posizionati nelle zone di protezione 0 e 1, e che prese ed interruttori non devono trovarsi nelle zone di protezione 0, 1 e 2.

 

Karman catalogo bagno

 

Per maggiori informazioni, supporto e assistenza nella scelta corretta dei giusti modelli di lampade per il tuo progetto di illuminazione decorativa, non esitare a contattarci a questo link. Siamo a tua completa disposizione.

Camilla Rossi

AUTORE

Camilla Rossi

CHI SIAMO

karman
Karman, azienda tutta italiana, è nata nel 2005 a Fossombrone. Il suo mondo si muove con naturalezza attraverso un originale e personale uso decorativo della luce sia in ambienti privati che in ambienti contract

LEGGI TUTTO »

SEGUI KARMAN