Ristoranti  / architettura  / Design Interni

KARMAN VESTE INDUSTRIA, RISTORANTE-ATELIER NEL CUORE DI FIRENZE


Pubblicato il 27 luglio 2016

Il ristorante Industria è un luogo creativo, che esalta manifattura e artigianalità, elementi fondanti del concept stilistico di Karman che con le sue lampade ha vestito gli ambienti del locale. Tra le creazioni scelte dall’architetto Eleonora Schettino non potevano mancare le Atelier, con il loro paralume cucito e decorato completamente a mano proprio come un vestito di alta sartoria, all’insegna di un’artigianalità che valorizza ogni esemplare rendendolo unico.

 

1Fotor

 

Nel lungo corridoio di passaggio tra le sale di somministrazione si possono poi ammirare le Kimono, che con le loro forme sinuose ricordano le lanterne giapponesi e si adattano anche ad ambienti da esterno, mentre dopo l’ingresso e nei locali toilettes ecco le Nando a sospensione, composte da un tubo e un giunto, due elementi che insieme sanno trasformarsi in vettori di luce varcando la soglia tra cantiere e casa, tra tecnico e sofisticato. L’architetto non ha voluto rinunciare alle luminose Gangster, in ceramica bianca, che con le linee arrotondate gli angoli vivi fanno subito pensare ad una gang vestita di bianco sullo sfondo dell’America del boom economico degli anni ’50, una fetta di storia raccontata in modo scanzonato ed ironico.

 

2_Fotor

 

Il ristorante Industria, collocato in una posizione strategica vicina a Ponte Vecchio e alla Galleria degli Uffizi, è anche punto di partenza ideale per scoprire il meraviglioso centro storico fiorentino, culla del Rinascimento. La parola chiave degli ambienti e delle sale è operosità, intesa come insegnamento proveniente dai metodi e processi dell’artigianato industriale.

 

3_Fotor

 

Quello che ne deriva è un ristorante sui generis dove si crea, si trasforma, si realizza e si produce. Un luogo dove si lavora e si inventa sia per soddisfare il gusto di chi assaggia sia per la gioia di seguire in ogni sua fase dopo averlo ideato il procedimento di realizzazione del cibo nelle sue vesti di manufatto.

 

4Fotor

 

Il lavoro stilistico di progettazione architettonica è stato titanico: dopo aver riportato alla luce la struttura seicentesca nascosta a partire dalla fine degli anni Sessanta da cartongessi, controsoffitti, intonaci, carte da parati, pitture, gessi e specchi è stato realizzato uno spazio fatto di volte a crociera, volte a botte, lucernari in vetro mattone, soffitti di legno, archi, profilati di acciaio, mattoni, pietra serena, legno e ferro. Con l’intenzione di far entrare e soffermare le persone in un ristorante privo di riferimenti temporali ben precisi, lasciando libera l’immaginazione.

CHI SIAMO

karman
Un luogo dove è possibile viaggiare attraverso i continenti alla scoperta di tutto ciò che è rappresentativo del bello.

LEGGI TUTTO »

SEGUI KARMAN