colori  / materiali  / arte  / architettura  / Bella Vita  / Attività Commerciali

KARMAN ILLUMINA IL MERCATO CENTRALE DI ROMA


Pubblicato il 03 novembre 2016

Mercato Centrale, dal 2014 luogo d’elezione fiorentino tra tradizione gastronomica, arte e cultura, il 5 ottobre ha inaugurato il suo personale modello di mercato cittadino a Roma, esplorando un nuovo approccio nel modo di comunicare, sentire e vivere il cibo.

 

rsz_4

 

Il progetto per il Mercato Centrale Termini, firmato dall'architetto Luca Baldini e dal designer Marco Baldini (studio Q-bic, Firenze), si fonda sull'idea di mercato inteso come luogo di incontro commerciale spontaneo, uno spazio mutevole nel quale vengono espressi le esperienze e i saperi di una comunità. Una progettazione che, pur mantenendo una visione d'insieme ed un carattere omogeneo ben riconoscibile, mira alla caratterizzazione di ogni singola bottega attraverso l'utilizzo di materiali sempre diversi come legno, ferro, ceramica, marmo. Le botteghe e dei suoi artigiani sono i veri protagonisti.

 

rsz_5

 

Gli artigiani sono il cuore del progetto: conoscono i loro prodotti nei minimi dettagli e nessuno meglio di loro è in grado di raccontarne le qualità e i punti di forza. L’ex dopo lavoro ferroviario, storicamente luogo di incontro e condivisione, rivive con Mercato Centrale Roma la sua funzione originale. Sotto la Cappa Mazzoniana, al centro di tutto il Mercato Centrale, in marmo portoghese dalle venature grigio-rosa – realizzata negli anni ‘30 dall’architetto Angiolo Mazzoni, da cui prende il nome – la sospensione Ceraunavolta, insieme di elementi decorativi in vetro soffiato, nata dall’idea di Edmondo Testaguzza e Matteo Ugolini.

 

rsz_13

 

Ogni bottega ha lo spazio per l’esposizione del prodotto fresco e una zona laboratorio per la preparazione e la cottura. Ogni bottega una sua lampada. L’ambiente è semplice e informale, una tavola dove mangiare, scoprire, chiacchierare e confrontarsi. Così le lampade Karman, tanto decorative ed emozionali che sembrano parlare sopra le dita infarinate del pizzaiolo e i sorrisi delle ragazze nella panetteria. Il cemento delle Settenani Collection si accosta felicemente al legno delle scaffalature così come  affascinante è il contrasto del bianco braccio della lampada Déjà-vu Nu e il rosso fuoco dei peperoncini. E ancora. Le due bianche Work in Progress dai romantici decori floreali sembrano non staccare lo sguardo dai ragazzi della zona del pesce. L’eleganza delle lampade Ginger sopra il bancone dei formaggi, il vetro opaco delle Make up. Sembra quasi fatto apposta che le lampade Scrivimi siano accanto a muri volutamente scarabocchiati.

 

rsz_22

 

Nulla è lasciato al caso.

Un progetto di riqualificazione che non passa affatto inosservato, un nuovo modo di fare design, di parlare di cibo e di raccontare il gusto.

CHI SIAMO

karman
Un luogo dove è possibile viaggiare attraverso i continenti alla scoperta di tutto ciò che è rappresentativo del bello.

LEGGI TUTTO »

SEGUI KARMAN